E il tuo ctr AdWords è buono?

Milano, 15 maggio 2018

Premessa n. 1

“La curva più bella è quella verso l’alto dei dati di vendita” Raymond Loewy, designer.

Premessa n. 2

Ogni ora nel mondo ci sono due utenti che chiedono a Google: “Qual è un buon ctr?”.

Svolgimento

: Se sei d’accordo con l’amico Raymond o se sei 1 dei 2 utenti della premessa numero 1, allora potresti essere interessato alla lettura di questo post.
Acquisio, una società canadese specializzata nell’applicazione del machine learning, leggi pure intelligenza artificiale, alle campagne ppc su diverse piattaforme per una loro ottimizzazione automatizzata, ha rilasciato una ricerca interessante su quali sono i ctr medi delle campagne fatte su Google AdWords divisi per settore.
I dati sono il frutto di un lavoro di analisi fatto su 50.000 campagne create da 11.000 inserzionisti che utilizzano la piattaforma di machine learning di Acquisio in USA, Canada e Australia.

I settori analizzati sono stati questi 12:

1. Vendita al dettaglio
2. Viaggi
3. Studi legali e avvocati
4. Formazione e lavoro
5. Motori
6. Servizi professionali (elettricisti, idraulici, parrucchieri, etc.)
7. Cura per gli animali domestici
8. Mercato immobiliare
9. Medicina
10. Intrattenimento e fitness
11. Alimentari
12. Finanza

Ora, tralasciando una mia perplessità sul fatto di aver inserito tra i 12 settori più importanti al mondo la cura per gli animali domestici, veniamo al punto.
Qual è il ctr medio delle campagne AdWords analizzate per ogni settore? Confrontando questo dato con il tuo, potresti farti una prima idea di quanto buono sia il tuo ctr AdWords.
Di seguito trovi l’infografica sul ctr.
Ctr per settore
Interessante, oltre ai vari ctr, la distinzione che si fa dei ctr con o senza applicazione del sistema di machine learning di Acquisio.
E’ possibile notare, confrontando i due dati per tutti i settori, come non sempre il machine learning applicato alle campagne cpc porti migliori risultati (questi arrivano, secondo i dati qui riportati, solo in 6 settori su 12, quindi la metà).

E adesso che ti sei fatto una bella scorpacciata di ctr, ma dillo pure, il dessert, la ciliegina sulla torta è stato il ctr del tuo settore… vediamo altri dati interessanti ricavati dall’indagine di Acquisio.

Ecco i cpc medi per settore con o senza machine learning.
Cpc per settore
Qui se sei italiano, come suppongo, ti stupirai un po’ di cpc che sono altini rispetto al mercato italiano, ma questo è nella norma.

Ed ecco i conversion rate medi (cvr per Acquisio, a me piace di più usare l’acronimo cr) per settore
Conversion rate per settore
Se prima avevi strabuzzato gli occhi guardando i valori di cpc, ora salterai sulla sedia guardando ai dati di conversion rate; ma quanto sono alti…
Eh si, purtroppo anche questo è normale, in Italia si hanno conversion rate più bassi, almeno per quella che è la mia conoscenza del mercato italiano, perché qui da noi non lavoriamo ancora come si dovrebbe sul cr.

Infine, ecco su un piatto d’argento, serviti i dati, con e senza machine learning, dei cpa (costo per acquisizione) medi per settore.
Cpa per settore
Anche qui i valori mi sembrano un po’ altini per quello che è il mercato italiano.

Conclusione


Il machine learning, ossia l’automatizzazione dell’ottimizzazione (scusate il numero eccessivo di z) delle campagne su Google AdWords, sembra giocare un ruolo più importante sul versante delle conversioni che su quelle del cpc; forse perché nel cpc sono importanti il lavoro di copy (scrittura annunci) e la pertinenza delle keyword, due attività in cui la componente umana è a mio modo di vedere insostituibile?
Mah, chi lo sa, l’importante è che tu comunque abbia acquisito dei dati per riflettere sulla performance delle tue campagne (o di quelle che gestisci per i tuoi clienti) e sull’impatto che l’intelligenza artificiale può avere sul lavoro di ottimizzazione.
E ora tutti in piedi ad applaudire Acquisio, a cui ovviamente do il link meritato alla ricerca da cui ho tratto spunto per scrivere questo post, per il lavoro fatto. Se pur sempre parziali e esclusivamente indicativi, dei dati di mercato con cui confrontare i dati delle proprie campagne AdWords fa sempre bene.












Nome

Cognome

Email

Richiesta


Invia